Recensione: Morbid Saint - Spectrum Of Death


Siamo nel 1990, e mentre il Thrash sta entrando in crisi per l'avvento del Grunge, ecco che entrano in scena i Morbid Saint, gruppo statunitense formatosi nel 1986 a Sheboygan (Wisconsin), fautori di un thrash molto violento e sporco.
Non rappresentavano tuttavia una novità, visto che nel 1988 vide la luce il loro primo demo "Lock Up Your Children", seguito due anni dopo, nel 1990, dal loro primo full lenght "Spectrum Of Death".
Con le stesse tracce del demo, nello stesso identico ordine, entriamo in questo vortice di violenza, marciume e thrash sparato a mille, composto da otto pezzi, tra cui una strumentale di 40 secondi, dove Tony Paletti, Pat Lind, Jim Fergades, Jay Visser e Lee Reynolds non ci danno tregua per tutti i 32 minuti di esecuzione.


Veniamo ora alle tracce. Scegliere le migliori è davvero dura, ma si può citare la corta e velocissima ”Damien”, seguita da “Burned At The Stake”, la traccia più corta del disco (tolta la strumentale). Abbiamo poi “Assassin” e “Scars” che sono anch'esse veloci e rabbiose nella loro durata di oltre sette minuti. Continuiamo con le poche tracce rimaste, “Lock Up Your Children”, “Crying For Death”,” Spectrum Of Death” (strumentale), e la traccia finale “Beyond The Gates Of Hell”, autentiche bastonate in faccia da headbanging compulsivo.
Menzione particolare per la copertina, in cui è presente un mostro che ricorda molto Eddie The Head degli Iron Maiden, ma molto, molto più incazzato.
Su questo disco non c'è altro da dire, ma c'è da fare una cosa: mettere le cuffie in testa, alzare il volume al massimo, premere Play e farsi travolgere da tutta la furia cieca che è in grado di donarci questo stupendo “Spectrum Of Death”.
Ovviamente è un disco straconsigliato e che ogni appassionato di thrash, e metal estremo in generale, dovrebbe ascoltare almeno una volta nella propria vita. E se non l'avete ancora ascoltato rimediate assolutamente, non ve ne pentirete.

Federico G.

VOTO
9/10


Tracklist:
1.            Lock Up Your Children
2.            Burned at the Stake
3.            Assassin
4.            Damien               
5.            Crying for Death
6.            Spectrum of Death
7.            Scars
8.            Beyond the Gates of Hell           

Line-Up:
Tony Paletti – Basso
Pat Lind – Voce
Jim Fergades – Chitarra
Jay Visser – Chitarra
Lee Reynolds – Batteria 

Commenti

Post popolari in questo blog

NonRecensione: Metallica - Hardwired... To Self-Destruct

Recensione: De La Muerte - Venganza

Recensione: Rhapsody of Fire - Legendary Years